Incidente in moto su strada pubblica. Per il caso fortuito serve l’imprevedibilità ex ante ( Cassazione 2019).

moto-incidente

Oramai è pacifico che l’amministrazione può essere responsabile ex art. 2051 c.c. per i danni conseguenti ad incidenti su strade pubbliche ( ” Ciascuno è responsabile per il danno cagionato dalle cose che ha in custodia, salvo che provi il caso fortuito”).

Affinché si configuri tale responsabilità, è necessario che sussista il c.d obbligo di custodia in concreto, altrimenti l’ amministrazione risponde ai sensi dell’art. 2043 c.c.

In linea generale, si può affermare che l’amministrazione è custode delle strade pubbliche  in quanto,  pur essendo  esse beni estesi e di uso generalizzato, è fattibile prevedere ed evitare i possibili incidenti, anche grazie alle nuove tecnologie.

Una volta configurata in concreto tale responsabilità, l’amministrazione può liberarsi solo dimostrando il  ” caso fortuito” in senso oggettivo, ovvero quell’evento oggettivamente imprevedibile, che recide il nesso di causalità diventando la vera causa concreta dell’incidente e che  può consistere anche nell’attività di un terzo.

Nel caso in esame, un motociclista è caduto dalla moto a seguito della cera che ha cosparso il manto stradale ( successivamente a una  processione con uso di fiaccole).

Citato in giudizio il Comune per ottenere il ristoro dei danni, il danneggiato vede la domanda rigettata sia in primo grado che in appello.

Lo sfortunato motociclista  ricorre allora in Cassazione, lamentando la violazione di legge da parte della Corte Territoriale ( art. 360, co1, n.3 c.p.c), che avrebbe errato nell’interpretazione dell’art. 2051 testé citato.

La Corte di appello aveva ritenuto sussistente il caso fortuito, in quanto tra la processione e l’incidente erano passate poche ore, desumendone la non conoscibilità ex post da parte dell’amministrazione e l’inevitabilità, cioè l’impossibilità  di predisporre misure impeditive a causa del breve lasso di tempo trascorso.

La Suprema Corte accoglie invece il ricorso,  precisando come debba essere interpretato il concetto di caso fortuito. Non basta la non conoscibilità ex post, ma è necessario accertare l’ imprevedibilità ex ante del danno.

L’amministrazione era a conoscenza della processione ( tra l’altro molto estesa, visto che copriva tutta la carreggiata) e dell’uso delle fiaccole, potendo dunque prevedere il rischio di incidenti ed agire immediatamente ( ad esempio  vietando il passaggio dei veicoli una volta finita la processione, oppure segnalando il rischio della presenza di cera sul manto stradale).

Da qui l’annullamento della sentenza con  rinvio alla  corte di appello per una nuova decisione, vincolata al seguente principio di diritto : ” il caso fortuito esonerante il custode dalla responsabilità di cui all’art. 2051 c.c. non sussiste qualora il custode abbia avuto possibilità di prevedere che la cosa che ha in custodia, così come inserita nel concreto dinamismo causale, avrebbe potuto cagionare il danno”. (  Cassazione, ordinanza n. 1725 del 2019).

 

 

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...